Cerca nel blog

venerdì 20 febbraio 2015

IL 21 FEBBRAIO SI CELEBRA LA GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

Nel 1952 l'ONU ha sancito che il Braille fosse considerato un sistema universale di scrittura e lettura per le persone non vedenti.
Dal 2007 è stata istituita la  Giornata Nazionale del Braille, con lo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla conoscenza di questo codice di lettura, composto da punti in rilievo che corrispondono alle lettere dell'alfabeto.
La data scelta è stata quella del 21 febbraio che è anche la ricorrenza della Giornata Mondiale della Difesa dell'Identità linguistica , promossa dall' Unesco.
Il codice  è stato realizzato da Louis Braille, diventato cieco all'età di 3 anni, a causa di un incidente avvenuto nel laboratorio del padre.
Ha aiutato così tante persone, permettondogli di poter accedere alla cultura in modo autonomo.

Sono numerosi gli eventi che si svolgeranno durante la Giornata Nazionale del Braille, come le visite ai Musei tattili, ad esempio al Polo fiorentino, col percorso "Uffizi da toccare", che comprende 13 opere; l'ingresso è gratuito e i visitatori saranno accompagnati da assistenti.
Al Museo di San Marco sarà possibile "toccare" l'Annunciazione del Beato Angelico.
Al Museo nazionale del Bargello le sculture del XV e XVI secolo.
Al Cenacolo di Andrea del Sarto 6 capolavori pittorici: la Madonna del Cardellino (Raffaello), il Ritratto del Duca di Urbino (Piero della Francesca),il Ritratto dell'uomo con medaglia (Botticelli), il Ritratto di Cosimo il Vecchio (Pontormo), il Ritratto di Giovanni dei Medici e il  Ritratto di Bia dei Medici ( Branzino).
Al Museo Galileo sarà possibile visitare il percorso tattile con riproduzione di strumenti scientifici, sarà disponibile una guida in Braille per non vedenti ed una per ipovedenti ,sia in  italiano che in inglese,con immagini tattili.
E poi una mostra con apparecchi d'epoca per scrittura in Braille della Stamperia Braille.
Ed infine fino al 25 febbraio una mostra per far conoscere questo codice a tutti.
giornata nazionale braille

Per onorare la memoria di Luois Braille, l'UICI ha proposto che in ogni città ci sia una via intitolata a
"Colui che vinse il buio, indicando ai ciechi le vie della cultura".

Nessun commento:

Posta un commento

lasciate un commento.Grazie !!!!