Cerca nel blog

venerdì 29 maggio 2015

RADIO ALBATROS, TRE ANNI DI EMOZIONI

 Regalare emozioni, donare un sorriso, diffondere informazioni che possano essere utili, questo è lo scopo della mia piccola radio web, si chiama Radio Albatros, in ricordo di un Amico che non c'è più.
Non sono una professionista, quindi il mio ruolo di speaker è a livello di volontariato, dettato solo dal volere essere utile, un piccolo aiuto a coloro che necessitano di notizie relative al mondo della disabilità.
Tra qualche giorno Radio Albatros festeggierà il suo terzo anno di vita, tre anni vissuti intensamente, con ascolti impensabili, anche se discontinui e alcune volte in fase calante, ma spesso tutto ciò che è positivo, costruttivo, è poco apprezzato.
Indubbiamente io non ho la bravura di un professsionista del settore, ma ci metto il cuore.
In questi anni ho conosciuto realtà meravigliose,basti pensare a tutto ciò  che fanno le Associazioni, creando eventi, aggiornando su ausili, su materiale didattico, aiutando nella presentazione di documenti.
Non bisogna essere raccomandati per accedere a  questi servizi,come pensano in molti.
Ci sono i siti in cui si possono trovare tutte le info necessarie, basta solo avere buona volontà e soprattutto crederci, perchè spesso si è portati ad essere diffidenti.
Mi è capitato  di essere attaccata solo per aver ricordato la Giornata dedicata alla disabilità, comprendo benissimo che questo argomento dovrebbe essere ogni giorno nel cuore e nella mente di tutta l'opinione pubblica, ma questo evento serve soprattutto a far conoscere le nuove iniziative, i passi avanti che sono stati realizzati nei vari settori.

radio  albatrosOgni volta che vado in onda è un'emozione fortissima, è sempre come se fosse la prima volta, ed essere ricambiata con gli ascolti è un premio al lavoro svolto nel creare la scaletta di notizie.
Infatti dietro ad una trasmissione che dura pochi minuti c'è un lavoro certosino, che comporta il controllo delle news, perchè si potrebbe incappare in una classica "bufala", quindi è necessario vagliarne  l'autenticità.
Spero di essere sempre all'altezza, di centrare l'obiettivo che mi sono prefissa senza deludere alcuno.
Ringrazio tutti coloro che prestano attenzione al mio lavoro e spero di continuare sempre con lo stesso entusiamo.

 Per coloro che abbiano voglia di ascoltare questo è il link della radio :
http://www.spreaker.com/user/giusyluv

giovedì 28 maggio 2015

MALATTIE RARE, GUIDA AI DIRITTI ESIGIBILI E ALLE AGEVOLAZIONI LAVORATIVE

Nei giorni scorsi è stata presentata a Roma la Guida ai diritti esigibili e alle agevolazioni in ambito lavorativo per le persone con malattie rare, promossa da Uniamo FIMR onlus nell'ambito del progetto Carosello.
Al più presto sarà possibile scaricarla dai seguenti siti:
- www.uniamo.org
- www.malatirari.it
Lo scopo di questa Guida è quello di consentire alle persone con malattie rare di poter avere accesso, in modo equo, ai servizi pubblici; inoltre ha  l'obiettivo di favorire il dialogo con l'Inps e le Regioni affinchè possano lavorare ed impegnarsi in modo concreto, relativamente ai problemi riguardanti la valutazione del grado di invalidità espresso da commissioni apposite.

La Guida è divisa in 4 parti :

- nella prima ci sono le procedure utili ad ottenere i certificati di invalidità civile e dello stato di handicap, importanti per il riconoscimento di contributi,di esoneri, delle agevolazioni, delle autorizzazioni e dei servizi;
- nella seconda ci sono i principali contributi economici di cui possono benficiare le persone con malattie rare;
guida diritti malati rari- nella terza sono presenti la normativa e i servizi relativi alla promozione dell'inclusione lavorativa delle persone malate rare, le agevolazioni per i lavoratori e per i familiari lavoratori che assistono le persone suddette;
- nella quarta ci sono le agevolazioni relative agli aspetti fiscali e al settore automobilistico e dei trasporti.

mercoledì 27 maggio 2015

MILLELUCI CAFE', UN BAR SPECIALE

La luce è fonte di calore, di energia, e metaforicamente la si può accostare al sorriso che riscalda l'anima , tante luci sono quindi l'equivalente di tanti sorrisi,come quelli dei ragazzi con Sindrome di Down,che gestiscono un bar,che, per questo motivo, ha il nome di Milleluci cafè, si trova a Firenze in Piazza Leopoldo.
E' stato inaugurato il 16 maggio, è sostenuto da Unicoop Firenze, che ha donato i locali e dalla Fondazione "Il cuore si scioglie onlus", che ha finanziato i corsi di formazione.
I ragazzi hanno imparato varie mansioni in cui cimentarsi, infatti ogni giorno si metteranno alla prova sperimentando le proprie capacità, esprimendo le proprie potenzialità.
Potranno alternarsi in cucina, servire ai tavoli, accogliere i clienti.
I prodotti presenti sono tutti a chilometro zero, forniti dalla Cooperativa sociale "LiberaMenti" e da Libera Team.
Al Milleluci cafè si può anche pranzare o fare merenda oppure organizzare eventi come ad esempio la presentazione di un libro, grazie al contributo dei soci della Cooperativa di Firenze Nord-Ovest.

milleluci cafè
Un'esperienza lavorativa importante, che consente ai ragazzi con  Sindrome di Down di potersi inserire in questo ambito, dimostrando sempre più quanto sia fondamentale il superamento delle barriere di ogni genere, perchè con il loro impegno,  la loro tenacia, la loro professionalità possono fare tutto.
La diversità è ciò che si vuol vedere, legata ad un pregiudizio , ostacolo insormontabile se non si cambia mentalità.

venerdì 22 maggio 2015

23 MAGGIO GIORNATA EUROPEA SPORT INTEGRATO

Il 23 maggio si celebra la Giornata europea dello sport integrato, l'evento avrà luogo in 12 città italiane, precisamente a Grosseto, Aosta, Assisi, Messina, Monza, Roma, Sassari, Torino , Pescara ed Udine, Brindisi e Crotone.
E sono 12 anche i paesi coinvolti,: Germania,  Grecia, Francia, Bulgaria, Portogallo,Polonia, Lituania, Inghilterra, Turchia, Slovacchia, Spagna, Romania.
Le gare e dimostrazioni sportive a cui parteciperanno atleti disabili e non riguarderanno le seguenti discipline : danza integrata, scherma in carrozzina, equitazione, tennis tavolo, judo integrato, karate integrato, tiro con l'arco, trio agility dog, calcio a 5, football integrato, baskin e basket ball integrato.
L'evento promosso dall'Unione Europea e organizzato dal CSEN, ci sarà collegamento audio e video per unire tutti gli eventi che si svolgeranno nelle varie località.
Lo scopo è quello di derteminare un regolamento a livello europeo per tutti gli sport integrati, in modo tale che venga condiviso con le organizzazioni olimpiche nazionali.
Quest'anno alla Giornata europea dello sport integrato è presente anche la disciplina  della danza integrata, che unisce in modo armonioso coloro che la praticano con i gesti, le espressioni, i sorrisi e la  vicinanza.
Aiuta a socializzare, insegna il rispetto degli altri, e dei tempi e dei ritmi.
giornata europea sport integrato

Coinvolge persone disabili e non, che hanno gli stessi obiettivi: l'aggregazione ed il divertimento.
Un' unione di corpi che esprimono le proprie emozioni sulle note della musica, un momento in cui non esistono diversità, nè barriere, ma solo persone.

lunedì 18 maggio 2015

LA FIORENTINA E IL SEGNAVIOLA PER FINANZIARE UN CORSO DI SCULTURA PER DISABILI VISIVI

Stasera alle ore 19, presso lo stadio Artemio Franchi, si disputerà il posticipo di campionato di serie A tra Fiorentina e Parma.
La squadra di casa sostiene un progetto che riguarda le persone non vedenti ed ipovedenti, precisamente un corso di scultura, e durante la gara sarà possibile acquistare il SegnaViola, cioè un segnalibro in cambio di una piccola offerta.
Il progetto di scultura per persone disabili visive è un'iniziativa della Scuola di Arte Sacra di Firenze, a cui potranno partecipare dieci scultori, si svolgerà nel mese di luglio, a dirigere il corso sarà il maestro Anthony Visco, famoso docente di scultura presso la New York Academy of Art e l'Università di Pennsylvania.

Sono ammessi candidati provenienti da ogni regione italiana e da alcuni paesi europei, ci sarà una selezione e le persone scelte avranno in modo gratuito sia vitto, sia alloggio, sia mezzi di trasporto,sia gli strumenti necessari  al lavoro scultoreo.
fiorentina e segnaviolaTestimonial sarà Sergio Staino con il suo personaggio Bobo, che realizzerà una vignetta speciale.
Il corso è utile non solo alle persone non vedenti o ipovendenti per esprimere le proprie emozioni,ma anche a quelle vedenti, poichè la tecnica tattile consente di far conoscere i particolari che l'occhio non può vedere.

giovedì 14 maggio 2015

STELLA, FAVOLA ACCESSIBILE PER SORDI ED UDENTI, AL SALONE DEL LIBRO DI TORINO

Oggi 14 maggio a Torino si sta svolgendo la 28a edizione del Salone del libro, numerosi eventi in spazi dedicati alla lettura, saranno presentati anche libri accessibili, come in Area onlus di Oplab (Osservatorio permanente libri accessibili  per bambini),in cui i piccoli lettori possono consultare e sfogliare testi che hanno come tema la disabilità e la diversità.
I libri accessibili sono in italiano e in lingua dei segni (Lis), con lo scopo di unire la cultura sorda a quella udente, ed è proprio in questo ambito che sarà protagonista Stella, libro accessibile più Dvd, realizzato da Mason Deafness Fubd, da MPDF onlus e da Rotary club Siena est.
Si tratta di un riadattamento della Sirenetta di Andersen a cura di Gabriella Grioli, che è anche la voce narrante di questa bellissima storia, che ha sempre appassionato grandi e piccini, emozionando e facendo sognare.
Stella è stata realizzata con l'introduzione di elementi relativi alla cultura delle persone sorde, ad esempio il trillo di un campanello viene sostituito da un segnale luminoso che funziona ad intermittenza.
Oppure, quando il padre deve dialogare con la figlia, la tocca sulla spalla e poi le parla quando i loro sguardi si incrociano.
stella favola accessibile

Nel racconto non viene palesata la lingua dei segni, ma bensì si trasforma in lingua del mare, un modo elegante e non discriminatorio, che piace sia ai lettori sordi sia a quelli udenti.
Si uniscono così  due mondi, diventando una sola cosa, non solo per quanto riguarda il  testo ma anche le illustrazioni curate da Licia Zuppardi che per realizzarle ha usato il digitale oltre la tecnica classica.

mercoledì 6 maggio 2015

FESTIVAL DELLE ABILITA' DIFFERENTI, 17a EDIZIONE

Dal 16 al 26 maggio si svolgerà la 17a edizione del Festival delle abilità differenti, organizzato dalla Cooperativa Nazareno, il titolo di quest'anno è "Invincibili fragilità".
Come ogni anno le città che ospiteranno questo evento sono Bologna, Carpi, Correggio e Sorbara.
Il Festival delle abilità  differenti ha come scopo quello di far comprendere che ogni persona, al di là dei propri limiti, può esprimere, attraverso l'arte, le proprie potenzialità .
Dalle fragilità può nascere la speranza attraverso il talento, che è  espressione dell'anima, e trasformarsi in bellezza  invincibile.
Nelle città su citate si svolgeranno vari appuntamenti:
- a Bologna ci sarà la mostra d'arte intitolata "Irregular talents", a cui parteciperanno artisti disabili e non provenienti dall'Italia, dall'Austria, dalla Polonia, confrontandosi sull'arte da loro prodotta.
E poi "Nutrire il pianeta", una mostra d'arte ed uno spettacolo musicale con tema centrato sul nutrimento a livello gastronomico e culturale.
- A Sorbara e Carpi spettacolo eno-gastronomico con artisti appartenenti alla Cooperativa Nazareno e l'orchestra Alberto Pio della Scuola Media di Carpi, si esibirà anche l'artista non vedente Silvia Zaru.
- A  Correggio ci sarà lo spettacolo teatrale dal titolo "Venezia, il mercante, l'ebreo", tratto da "Il mercante di Venezia" di Shakespeare.

E poi il concorso Open festival di danza. musica e teatro con artisti disabili e non.
- A Carpi sono in programma laboratori creativi, lo spettacolo "Volando,volando"; la presentazione dei libri "Lo zaino di Emma", scritto da Martina Fuga, la storia quotidiana di una mamma e la sua bambina Down, raccontata con passione ed amore, e "Torniamo a casa" di Silvio Cattarina, la rinascita di una vita che sembrava persa a causa della tossicodipendenza.
festival abilità differentiInfine la proiezione del film "Io sono Mateusz",la storia di un ragazzo affetto da paralisi cerebrale, che fino all'età di 25 anni si pensava avesse un ritardo cognitivo, invece si scopre che non è così.