Cerca nel blog

sabato 3 dicembre 2016

La Bellezza Accessibile, il Pontormo e Felice Tagliaferri

 La conoscenza è la chiave del sapere.

Il 4 dicembre a La Spezia, in occasione della Giornata Internazionale delle persone disabili, ci sarà l'inaugurazione del nuovo percorso tattile presso il  Museo Civico Amedeo Lia.
Nella sala 7 ci sono ritratti del 500 e l'autoritratto del pittore Pontormo,simbolo del museo,accanto al quale è posto un bassorilievo realizzato da Felice Tagliaferri, noto scultore non vedente, autore anche del Cristo rivelato, e da Michele Monfroni.
La didascalia che descrive l'opera è in braille ed è stata realizzata dal Museo Tattile Statale Omero.
Felice Tagliaferri ,dopo essersi fatto descrivere l'opera originale, e poichè il cappello e cappotto sono di lana, ha messo del materiale più granuloso, al posto di baffi e barba invece ha messo tante linee vicine.
bellezza accessibile

Il viso è liscio per riprodurre la sensazione della pelle.
Al piano terra c'è un laboratorio tattile in cui si possono toccare i materiali usati per le tecnniche artistiche espressione del Museo.
L'arredamento è stato realizzato dai ragazzi disabili del laboratorio di falegnameria Diversamente mobili di La Spezia.
Il fotografo Davide Marcesini ha realizzato istantanee che ritraggono il lavoro quotidiano di questi ragazzi.
Verrà presentato anche il progetto "Apriamo gli occhi"per sensibilizzare i più piccoli relativamente alle condizioni di vita dei loro coetanei disabili visivi che vivono nei Paesi più poveri.
Ed infine la CBM presenterà  il giornalino Occhiolino  che racconta  la disabilità ai bambini, in modo tale da coinvolgerli e sensibilizzarli su temi fondamentali come l'inclusione, la solidarietà, la conoscenza.

domenica 6 novembre 2016

L'Altro spazio, un bar completamente accessibile

Nunzia e Santa Vannuccini sono due ragazze della provincia di Napoli che tempo fa si sono trasferite a Bologna , dove da un anno hanno inaugurato  un bar completamente accessibile, l'Altro spazio, sito in via Nazario Sauro 24/ f ,con la collaborazione di Jascha Blume, olandese filmaker  non udente e promosso dall'associazione culturale Farm a cui appartiene Nunzia.
In questo periodo si sono alternati tanti eventi come concerti e serate a tema .
Il bar ha mappe tattili per orientarsi, menù in braille, un bancone di 80 centimetri per consentire ai dipendenti  in sedia a rotelle di poter servire o spillare la birra o ai clienti di servirsi da soli .
La musica è dal vivo e poi sono previsti incontri dedicati alla poesia, corsi di lingua, laboratori e teatro per bambini, cene al buio, lezioni di ballo anche in lis.
E poi corsi di cucina per non vedenti.
Ma ci sono ancora tanti progetti in cantiere, la voglia di proporre e realizzare novità che coinvolgano tutti in egual modo, un momento per incontrarsi in un  ambiente accogliente per potersi divertire, emozionarsi e arricchire il proprio bagaglio culturale, in modo semplice e coinvolgente.
E quindi tanti auguri a L'altro spazio per il suo primo compleanno e in bocca al lupo per le nuove idee da realizzare !


l'altro spazio

lunedì 3 ottobre 2016

I NUOVI AUDIOLIBRI DEL CENTRO LIBRO PARLATO SERNAGIOTTO


Il Centro Internazionale Libro Parlato Adriano Sernagiotto onlus è stato realizzato nel 1983 a Feltre, lo scopo è quello di consentire ai non vedenti di poter usufruire del piacere di ascoltare un libro.
Dal 1996 il Centro è diventato un'associazione, offre numerosi servizi rivolti a tutti coloro che non possono accedere alla lettura in modo tradizionale, come ipovedenti,  dislessici,  distrofici,  anziani e  malati  terminali.
Gli audiolibri disponibili sono circa 10201, in questo mio breve articolo ne citerò alcuni degli ultimi inseriti,ricordando che è possibile scaricarli, se si è iscritti al sito www.uiciechi.it, cliccando su libro parlato online.
audiolibri




. La ragazza del treno
HAWKINS, Paula
. Una famiglia quasi perfetta
SHEMILT, Jane
. La ferocia
LAGIOIA, Nicola
. L'altro capo del filo
CAMILLERI, Andrea
. Anime di vetro
de GIOVANNI, Maurizio
. L'amante giapponese
ALLENDE, Isabel
. La regola dell'equilibrio
CAROFIGLIO, Gianrico
. Il segreto degli angeli
LACKBERG, Camilla
. La piramide di fango
CAMILLERI, Andrea
. Il leone d'oro
SMITH, Wilbur 
. La vita oltre la morte
PEDERZINI, don Novello



. L'archivista
MACCHIAVELLI, Loriano
. I Regni del Fuoco: la profezia dei cinque draghi
SUTHERLAND, Tui T.
. La ragazza dai sette nomi
LEE, Hyeonseo
. Polpette di topo
WALLIAMS, David
. Ossidea: la città del cielo
BRUNO, Tim
. Ossidea: il regno di Kah's
BRUNO, Tim
. La moglie perfetta
COSTANTINI, Roberto
. Prima che torni la pioggia
ACKERMAN, Elliot
. Poirot e i quattro
CHRISTIE, Agatha

venerdì 23 settembre 2016

A RISCHIO INSIEME NELLO SPORT, OLIMPIADE PER ATLETI DISABILI

Si sono appena concluse le Paralimpiadi di Rio ed ecco un nuovo appuntamento di sport che coinvolge atleti disabili, si svolgerà il 24 settembre a Napoli presso lo stadio Collana, dalle ore 9,30 alle ore 13, s'intitola "Insieme nello sport".
E' un'Olimpiade a cui parteciperanno circa 1800 atleti disabili provenienti da 80 centri, si cimenteranno in varie discipline come il calcio, il basket in carrozzina, l'atletica leggera, il tiro con l'arco, il nuoto, il tennis, l'equitazione, braccio di ferro, il bowling, palla tamburello.
L'evento è organizzato dal Coni regionale ed avrà tra il pubblico anche gli studenti di alcune scuole campane.
insieme nello sport
Interveranno le autorità politiche, tra cui il sindaco e poi numerosi ospiti, campioni dello sport regionale e atleti olimpici.
Una bella manifestazione nella cornice della collina del Vomero, zona napoletana alquanto suggestiva, ma sarà possibile il suo svolgimento ?
Purtroppo molte strutture dello stadio sono inagibili,  per troppo tempo l'incuria degli addetti ha avuto il sopravvento.
Da qualche giorno si cerca una soluzione, limtando lo svolgimento dell'evento a pochi spazi reputati agibili dalle autorità competenti.
Eppure lo stadio Collana è il secondo in grandezza dopo il San Paolo....
Le problematiche devono essere affrontate in tempo utile, gli spazi che sono risorsa sociale non possono essere lasciati in queste condizioni!
Eppure sono tante le società che fanno capo a questa struttura.
Speriamo che la situazione si risolva in senso positivo e che domani i partecipanti possano gareggiare in condizioni ottimali.


domenica 18 settembre 2016

PARALIMPIADI RIO : L'EMOZIONE DI UN SOGNO

Cala il sipario, si spengono le luci della ribalta, le piccole onde del mare si tuffano sulla spiaggia e le nostre stelle ritornano a casa.
Si sono appena concluse le Paralimpiadi Rio 2016, un evento che quest'anno abbiamo potuto seguire 24 ore su 24, grazie all'impegno della Rai, ai suoi cronisti e a tutto lo staff tecnico, che con telecamere proprie ci hanno consentito di seguire anche quelle gare non inserite nel palinsesto internazionale.
Un'edizione con molti record e medaglie, con tanta voglia di arrivare a quel sogno coltivato per ben 4 anni, con innumerevoli sacrifici e lavoro, e anche quando l'obiettivo è sfumato, per un centesimo di secondo o anche più, resta l'entusiasmo di avercela messa tutta e di averlo dimostrato in gara.
"Il sogno è quel rimanere bambini che ci insegna ad essere curiosi e a scoprire nuovi orizzonti da raggiungere " (Alex Zanardi).
Alex , 50 anni di saggezza, capace di emozionarsi e di emozionare, di regalare un sogno concreto a chi  quel sogno l'ha sempre tenuto chiuso in un cassetto, di dimostrare che la volontà è più forte del destino.
E lo slogan di questo evento è "Dove non arriva il corpo arriva la  mente, dove non arriva la mente arriva lo spirito", ed è proprio così.
" Non mollate mai e se ad un certo punto non vedrete la luce, un passo più in là la troverete"(Assunta Legnante), non bisogna mai abbattersi ma cercare la soluzione, che può essere anche diversa da quella pensata,  l'importante è farlo.
"Lo sport aiuta moltissimo" (Oney Tapia), ed è vero, aiuta a superare gli ostacoli, insegna a misurarsi con gi altri e con se stessi, aiuta a cadere e a rialzarsi, insomma è un po' come la vita, perchè lo sport è vita.
paralimpiadi 2016
Le mie Paralimpiadi sono state un momento di vita,  ho coinvolto tante persone contagiandole con il mio infinito entusiasmo, perchè sono una sportiva, che ama lo sport pulito, fatto di emozioni, e non di interessi economici, lo sport allo stato puro.
Pur non essendo disabile ...già perchè alcune volte si è discriminati per questo motivo, come è capitato a me recentemente...ma questa è un'altra storia.
E adesso il medagliere :
10 ori
14 argenti
15 bronzi
Un  totale di 39 medaglie, risultato più che positivo, che supera di gran lunga le 28 medaglie conquistate 4 anni a Londra e che colloca l'Italia al nono posto.

(Fonte Pagina Fb Rai Sport)

domenica 11 settembre 2016

Paralimpiadi Rio 2016 : risultati e programma del 12 settembre

E il quarto giorno è  arrivata la medaglia d'oro , a vincerla è stato Federico Morlacchi in un'appassionante gara nei 200 misti categoria SM9,  ed è anche la cinquecentesima medaglia che i nostri atleti vincono in totale nel corso delle varie edizioni di questo evento.
Una giornata emozionante in cui sono stati vinti anche 3 bronzi e un argento:
Elisabetta Mijno e Roberto Airoldi medaglia  di bronzo nel tiro con l'arco  misto
Amine Kalem  medaglia di bronzo nel tennistavolo classe 9
Giada Rossi medaglia di bronzo nel tennistavolo classe 2
 Giulia Ghiretti medaglia d'argento nei 100 rana classe SB4.
Il nostro medagliere sale a 13 : 1 oro, 6 argenti e 6 bronzi .

Programma del 12 settembre :
paralimpiadi
14.00     SCHERMA – Sciabola, prova individuale (maschile) – ALESSIO SARRI
14.00     TIRO CON L’ARCO – Prova a squadre compound, turni eliminatori e finali (misto) – ALBERTO SIMONELLI/ELEONORA SARTI
14.44     NUOTO – 400m stile libero, batterie (S13 femminile) – ALESSIA BERRA
14.59     NUOTO – 150m IM, batterie (SM4 maschile) – EFREM MORELLI
15.11     NUOTO – 150m IM, batterie (SM4 femminile) – ARJOLA TRIMI
15:30     SCHERMA – Sciabola, prova individuale (maschile) – ANDREA PELLEGRINI
15.33     NUOTO – 50m stile libero, batterie (S11 femminile) – CECILIA CAMELLINI, MARTINA RABBOLINI
15.44     NUOTO – 100m farfalla, batterie (S10 maschile) – RICCARDO MENCIOTTI
15.58    NUOTO – 100m stile libero, batterie (S9 maschile) – FEDERICO MORLACCHI
16.00    TENNIS – Singolare, terzo turno (maschile) – FABIAN MAZZEI
16.08     NUOTO – 100m stile libero, batterie (S9 femminile) – FRANCESCA SECCI
16.18     NUOTO – 200m IM, batterie (SM6 maschile) – MARCO MARIA DOLFIN
16.42     NUOTO – 50m farfalla, batterie (S7 maschile) – VALERIO TARAS
16.54     NUOTO – 50m stile libero, batterie (S5 maschile) – GIOVANNI SCIACCALUGA
16,58     ARJOLA DEDAJ
17.40     ATLETICA – 100 metri  batterie (T51) –  ALVISE DE VIDI
18.00     VELA – SKUD18 (2 regate) – GUALANDRIS, ZANETTI
18:10     VELA – 2.4mR (2 regate) – SQUIZZATO
18:30     VELA – Sonar (2 regate) –  RAGGI, SOLAZZO, PIRA
19.00     SPORT EQUESTRI – Team test, Grade Ia – LUIGI ACERBI 
22,30     FINALI NUOTO 
22:48     ATLETICA  – Lancio del disco (F1 maschile) finale – ONEY TAPIA
23.05     ATLETICA  – 400 metri T44 finale – GIUSEPPINA VERSACE e FEDERICA MASPERO 
  (fonte OASPORT)

PARALIMPIADI RIO 2016 : risultati e programma gare 11 settembre

Nella terza giornata di gare delle Paralimpiadi Rio 2016 i nostri atleti hanno vinto 3 medaglie d'argento e 3 di bronzo, regalandoci grandi emozioni :

 Michele Ferrarin argento nel paratriathlon categoria PT2
Martina Caironi argento nel salto in lungo  categoria T42
Cecilia Camellini argento nei 400 stile libero categoria S11

Giovanni Achenza bronzo nel paratriathlon categoria PT4
Giulia Ghiretti bronzo e record italiano nei 50 farfalla categoria S5
Vincenzo Boni bronzo nei 50 dorso categoria S3


Programma delle gare dei nostri atleti di oggi 11 settembre :
paralimpiadi rio 2016


14:00 TIRO CON L’ARCO misto – Competizione mista, ottavi di finale: EVENTUALE MIJNO, AIROLDI, ERARIO
14:30 NUOTO maschile – 100 metri rana SB5, batterie: MARCO MARIA DOLFIN
14:30 TENNISTAVOLO femminile – Singolare 3F, quarti di finale: EVENTUALE MICHELA BRUNELLI
14:39 NUOTO femminile – 100 metri rana SB5, batterie: EMANUELA ROMANO
14:49 NUOTO maschile – 200 metri misti SM9, batterie: FEDERICO MORLACCHI
14:50 CANOTTAGGIO femminile – Singolo, FINALE: EVENTUALE ELEONORA DE PAOLIS
14:59 NUOTO femminile – 200 metri misti SM9, batterie: FRANCESCA SECCI
15:10 CANOTTAGGIO maschile – Singolo, FINALE: EVENTUALE FABRIZIO CASELLI
15:15 TENNISTAVOLO maschile – Singolare 6, semifinali: EVENTUALE RAIMONDO ALECCI
15:33 NUOTO femminile – 200 metri stile libero femminile, batterie: XENIA PALAZZO
15:50 CANOTTAGGIO misto – Quattro misto, FINALE: EVENTUALE DI CAPUA, LUNGHI, SCHETTINO, TROMBETTA, SCAZZOSI
16:00 TENNIS maschile – Singolare, secondo turno: EVENTUALE FABIAN MAZZEI
16:00 TENNIS femminile – Singolare, secondo turno: EVENTUALE MARIANNA LAURO
16:00 TENNISTAVOLO femminile – Singolare 1-2, semifinali: EVENTUALE GIADA ROSSI, CLARA PODDA
16:16 NUOTO maschile – 100 metri rana SB4, batterie: ANDREA MASSUSSI
16:26 NUOTO femminile – 100 metri rana SB4, batterie: GIULIA GHIRETTI
16:45 TENNISTAVOLO maschile – Singolare 9, semifinali: EVENTUALE AMINE MOHAMED KALEM
18:15 TENNISTAVOLO maschile – Singolare 1, semifinali: EVENTUALE ANDREA BORGATO
18:15 TENNISTAVOLO maschile – Singolare 2, semifinali: EVENTUALE GIUSEPPE VELLA
19:00 TENNISTAVOLO femminile – Singolare 3, semifinali: EVENTUALE MICHELA BRUNELLI
20:00 TIRO CON L’ARCO misto – Competizione mista, quarti di finale: EVENTUALE MIJNO, AIROLDI, ERARIO
21:40 TIRO CON L’ARCO misto – Competizione mista, semifinali: EVENTUALE MIJNO, AIROLDI, ERARIO
22:15 TENNISTAVOLO maschile – Singolare 6, FINALI: EVENTUALE RAIMONDO ALECCI
22:30 TIRO CON L’ARCO misto – Competizione mista, FINALE PER IL BRONZO: EVENTUALE MIJNO, AIROLDI, ERARIO
22:30 NUOTO maschile – 100 metri rana SB5, FINALE: EVENTUALE MARCO MARIA DOLFIN
22:37 NUOTO femminile – 100 metri rana SB5, FINALE: EVENTUALE EMANUELA ROMANO
22:46 NUOTO maschile – 200 metri misti SM9, FINALE: EVENTUALE FEDERICO MORLACCHI
22:54 NUOTO femminile – 200 metri misti SM9, FINALE: EVENTUALE FRANCESCA SECCI
22:55 TIRO CON L’ARCO misto – Competizione mista, FINALE: EVENTUALE MIJNO, AIROLDI, ERARIO
23:40 NUOTO femminile – 200 metri stile libero S14, FINALE: EVENTUALE XENIA PALAZZO
0:02 ATLETICA femminile – 400 metri femminili T43-44, batterie: FEDERICA MASPERO, GIUSY VERSACE (annullate)
0:15 TENNSTAVOLO femminile – Singolare 1-2, FINALE: GIADA ROSSI, CLARA PODDA
1:05 NUOTO maschile – 100 metri rana SB4, FINALE: EVENTUALE ANDREA MASSUSSI
1:08 ATLETICA femminile – 200 metri T44, batterie: EMANUELA DI MARINO
1:13 NUOTO femminile – 100 metri rana SB4, FINALE: EVENTUALE GIULIA GHIRETTI
1:15 TENNISTAVOLO maschile – Singolare 9, FINALE: EVENTUALE AMINE MOHAMED KALEM
(fonte Sportface.it)

Articoli correlati :

PARALIMPIADI RIO 2016 : primi risultati e calendario delle gare del 10 settembre

ASPETTANDO LE PARALIMPIADI,QUALCHE CURIOSITA'

sabato 10 settembre 2016

PARALIMPIADI RIO 2016 : primi risultati e calendario delle gare del 10 settembre

 "Dove non arriva il corpo arriva la mente,
dove non arriva la mente arriva lo spirito".
 Vietato stupirci, necessario appassionarci.

Il 7 settembre sono iniziate le Paralimpiadi Rio 2016 e dopo due giorni di gare abbiamo conquistato due medaglie d'argento e stabilito tre record italiani:
medaglia d'argento  Francesco Bettella nei 100 dorso categoria S1
medaglia d'argento Federico Morlacchi nei 400 stile categoria S9.
Record italiano per :
Emanuela Romano nel dorso categoria S6 con il tempo di 1' 32" 42,
Alessia Berra nei 100 farfalla categoria S13 con il tempo di 1' 07" 39
Giovanni Sciaccaluga  nei 200 stile libero categoria S5 con il tempo di 2' 54" 48.
paralimpiadi rio 2016


Questo il programma del 10 settembre :
13:30 CANOTTAGGIO femminile – Singolo, ripescaggi: ELEONORA DE PAOLIS
14:00 TENNISTAVOLO maschile – Singolare 9, qualifiche: AMINE MOHAMED KALEM
14:00 TENNISTAVOLO femminile – Singolare, 3F, qualifiche: MICHELA BRUNELLI
14:00 TIRO CON L’ARCO maschile – Singolare: ROBERTO AIROLDI, ALESSANDRO ERARIO
14:00 TIRO CON L’ARCO femminile – Singolare: ELISABETTA MIJNO
14:00 TIRO CON L’ARCO femminile – Singolare, ranking round: VERONICA FLORENO
14:10 CANOTTAGGIO maschile – Singolo, ripescaggi: FABRIZIO CASELLI
14:30 TIRO A SEGNO maschile – pistola 10 metri, qualificazioni: MASSIMO CROCI
14:46 NUOTO maschile – 50 metri stile libero S6, batterie: FRANCESCO BOCCIARDO, MARCO MARIA DOLFIN
14:52 NUOTO femminile – 50 metri stile libero S6, batterie: EMANUELA ROMANO
14:58 NUOTO maschile – 50 metri farfalla S5, batterie: ANDREA MASUSSI
15:03 TRIATHLON maschile – PT2, FINALE: MICHELE FERRARIN, GIOVANNI SASSO
15:05 NUOTO femminile – 50 metri farfalla S5, batterie: GIULIA GHIRETTI
15:13 NUOTO maschile – 50 metri dorso S3, batterie: VINCENZO BONI
15:20 TENNISTAVOLO maschile – Singolare 1, qualifiche: ANDREA BORGATO
15:30 CANOTTAGGIO misto – quattro misto, ripescaggi: EVENTUALE DI CAPUA, SCHETTINO, TROMBETTA, SCAZZOSI, LUNGHI
15:42 NUOTO femminile – 200 metri misti SM13, batterie: ALESSIA BERRA
15:53 NUOTO maschile – 100 metri dorso S10, batterie: RICCARDO MENCIOTTI
16:00 TENNISTAVOLO maschile – Singolare 2, qualifiche: GIUSEPPE VELLA
16:00 TENNIS femminile – Singolare, primo turno: MARIANNA LAURO
16:00 TENNIS maschile – Singolare quad, quarti di finale: EVENTUALE ALBERTO CORRADI
16:20 TRIATHLON maschile – PT1, FINALE: GIOVANNI ACHENZA
16:26 NUOTO femminile – 400 stile libero S11, batterie: CECILIA CAMELLINI, MARTINA RABOLLINI
16:45 TIRO A SEGNO maschile – pistola 10 metri, FINALE: EVENTUALE MASSIMO CROCI
18:00 SOLLEVAMENTO PESI femminile -55kg, FINALE: MARTINA BARBIERATO
18:40 TENNISTAVOLO maschile – Singolare 6, qualifiche: RAIMONDO ALECCI
18:40 TENNISTAVOLO femminile – Singolare 1-2, qualifiche: GIADA ROSSI, CLARA PODDA
20:00 TIRO CON L’ARCO maschile e femminile: Compound: MATTEO BONACINA, GIAMPAOLO CANCELLI, ALBERTO SIMONELLI, ELEONORA SARTI
20:00 TIRO CON L’ARCO maschile – Individuale W1, primo turno: FABIO AZZOLINI
21:00 TENNISTAVOLO femminile – Singolare 3, qualifiche: MICHELA BRUNELLI
21:00 SOLLEVAMENTO PESI maschile -65kg, FINALE: MATTEO CATTINI
21:30 CICLISMO maschile – Individuale C1, FINALE: GIANCARLO MASINI
21:45 TENNISTAVOLO maschile – Singolare 9, quarti di finale: EVENTUALE AMINE MOHAMED KALEM
22:44 NUOTO maschile – 50 metri stile libero S6, FINALE: EVENTUALE FRANCESCO BOCCIARDO, MARCO MARIA DOLFIN
22:50 NUOTO femminile – 50 metri stile libero S6, FINALE: EVENTUALE EMANUELA ROMANO
22:54 CICLISMO femminile – Individuale 500 metri C4, FINALE: JENNY NARCISI
22:56 NUOTO maschile – 50 metri farfalla S5, FINALE: EVENTUALE ANDREA MASSUSSI
23:03 NUOTO femminile – 50 metri farfalla S5, FINALE: EVENTUALE GIULIA GHIRETTI
23:26 NUOTO maschile – 50 metri dorso S3, FINALE: EVENTUALE VINCENZO BONI
23:27 ATLETICA femminile – Salto in lungo T42, FINALE: MARTINA CAIRONI
0:06 NUOTO femminile – 200 metri misti SM13, FINALE: EVENTUALE ALESSIA BERRA
0:30 NUOTO maschile – 100 metri dorso S10, FINALE: EVENTUALE RICCARDO MENCIOTTI
1:13 NUOTO femminile – 400 metri stile libero S11, FINALE: EVENTUALE CECILIA CAMELLINI, MARTINA RABBOLINI .

ASPETTANDO LE PARALIMPIADI,QUALCHE CURIOSITA'

venerdì 29 luglio 2016

ASPETTANDO LE PARALIMPIADI,QUALCHE CURIOSITA'

 A Rio de Janeiro dal 7 al 18 settembre si svolgeranno le Paralimpiadi 2016, 15a edizione, a cui parteciperanno 4350 atleti provenienti da 176 paesi.
Saranno ben 528  i titoli in palio, 226 riguarderanno le atlete, 264 gli atleti e 38 misti.
Qualche curiosità :
La mascotte dell'evento si chiama Tom, e rappresenta la fusione di vari tipi di piante che crescono nella foresta brasiliana.
La Casa Italia che ospiterà i nostri atleti e i loro accompagnatori si troverà presso la Parrocchia Imaculada Concepsao, iniziativa voluta dal Cip assieme al Pontificio Consiglio della Cultura e dall'Arcidiocesi di Rio.
Oltre ad accogliere gli atleti paralimpici, servirà per i giovani disabili delle favelas che, alla fine dell'evento, potranno usufruire degli impianti sportivi e delle altre strutture.
Sono stati creati alcuni francobolli dal designer Josè Carlo Braga, in cui sono raffigurati gli atleti di varie discipline in azione.
E poi un doppio francobollo dedicato alla mascotte Tom impegnato in una danza.
Le medaglie hanno una scia di semi che le avvolge da un lato all'altro, il logo dell'evento è visibile in entrambe le facce  e ha un'iscrizione in braille.
All'interno è posto un piccolo dispositivo che emette un rumore particolare e specifico, a seconda che le medaglie siano d'oro, d'argento o di bronzo, in tal modo sono perfettamente riconoscibili dagli atleti non vedenti.
Il materiale con cui sono state realizzate è di natura organica, quindi sono ecologiche.
Ad esempio quelle d'oro non contengono mercurio, quelle d'argento e di bronzo sono costituite per il 30%  da materiali riciclati.
I nastri che servono per appenderle al collo sono composti per il 50% da bottiglie di plastica riciclate.
La torcia paralimpica ha linee sinuose e profili curvi, che testimoniano i momenti felici e quelli più duri relativi alla vita dell'atleta paralimpico.
Ha forma quadrangolare riferita ai 4 valori paralimpci :
coraggio, determinazione, ispirazione, uguaglianza.
E' composta da:
- la parte superiore più alta (il cielo) che rappresenta il sole che brilla e illumina tutto. E' color oro perchè simboleggia il trionfo più grande dei giochi;
- la parte superiore centrale (le montagne) il cui interno è costituito da linee che hanno le curve di colline e valli;
- la parte centrale ( il mare) in cui le curve sono regolari e fluide e rappresentano il mare;
- la parte inferiore (il pavimento) in cui sono rappresentate onde leggere richiamanti la tipica trama del pavimento del lungomare di Copacabana;
- il manico con scritta in braille e bilingue in cui sono rappresentati i 4 valori delle Paralimpiadi.
Il logo delle Paralimpiadi simboleggia un cuore che batte energia senza fine.
Lo spot è un video con la canzone dal titolo "Yes i can"eseguita dalla The Superhuman band, un gruppo di musicisti disabili con molto talento, provenienti  da tutto il mondo per lanciare un messaggio, quello dello spirito dei sovrumani.
Emozione allo stato puro.
Ed infine le divise paralimpiche sono state realizzate dall'emporio Armani.



PARALIMPIADI RIO 2016 : primi risultati e calendario delle gare del 10 settembre


giovedì 19 maggio 2016

RADIO ALBATROS, QUATTRO ANNI ASSIEME A VOI

Tra poche settimane Radio Albatros compirà quattro anni, che purtroppo coincidono con la scomparsa di colui al quale è dedicata.
Quattro anni di ricerche, di approfondimenti, per non incappare in notizie false, di ascolti altalenanti,e anche di polemiche..
Non sono una professionista e ciò si evince chiaramente dalla mia voce roca e a tratti insicura, quando inizio a trasmettere l'emozione ha quasi sempre il sopravvento e solo grazie alla passione che riesco ad arginare tutto ciò.
Da quando faccio radio ho scoperto realtà poco note, ho avuto la fortuna di far amicizia con rappresentanti di diverse  Associazioni, ho conosciuto la forza e la caparbietà con cui portano avanti un lavoro difficile e spesso ostacolato dalle questioni burocratiche.
Quest'anno oltre le news mi occupo anche di malattie rare e di musei tattili, ho cercato di aprire degli spazi più specifici dedicati a questi argomenti.
L'informazione è importantissima per poter sensibilizzare tutte le persone a delle tematiche poco diffuse.
Ad esempio l'accessibilità ai musei per le persone non vedenti e ipovedenti in modo tale che possano usufruire del patrimonio culturale  è un argomento che mi ha entusiasmato moltissimo, ho spiegato tutte le tecniche usate e la puntata sul Museo Louis Braille è stata molto istruttiva.
Mi sono sentita arricchita, già perchè tutti noi ignoriamo le difficoltà a cui vanno incontro molte persone, l'impossibilità di poter esaudire i propri sogni.
radio albatros
Ed è proprio per questo motivo che l'informazione assume un ruolo importante, far sapere che esistono realtà volute, progettate e realizzate da quelle Associazioni che sono sempre attente alle problematiche di coloro che rappresentano.
Ovviamente, così come è per tante cose, ci sono sempre le polemiche dietro l'angolo...
Pensare positivo non piace a molti, ma non importa, bisogna andare avanti e continuare il proprio lavoro.
Io ringrazio tutti coloro che mi seguono e che apprezzano il mio operato, la mia è una radio semplice e per tutti.



venerdì 29 aprile 2016

MARTINA E FEDERICA, DUE DONNE SIMBOLO DELLO SPORT

E' iniziato il conto alla rovescia per i prossimi giochi olimpici e paralimpici che si svolgeranno a Rio nei mesi di agosto e settembre, e a portare la bandiera che rappresenta l'Italia saranno  due donne, Martina Caironi e Federica Pellegrini.
Due atlete che nel  tempo si sono contradistinte nello sport, seppur in discipline diverse.
Sono il simbolo dei sogni che diventano realtà, hanno raggiunto i loro traguardi, frutto di lavoro costante, di tenacia, di passione, di entusiasmo,  di grinta.
Due donne diverse, non solo per la sorte che il destino ha loro riservato, ma anche caratterialmente.
Martina non ama i riflettori, è sempre disponibile e trasmette la sua passione per lo sport anche ai ragazzi delle scuole, facendone comprendere l'importanza.
Dopo Londra 2012, in  cui ha vinto una medaglia d'oro e stabilito il record mondiale, ha continuato a mietere successi.
E' la prima atleta amputata ad aver abbattuto il muro dei 15 secondi nei 100 metri e poi ha superato i tre primati iridati nei 100 metri categoria T42 e tre nella distanza doppia dei 200.
Inoltre ha eguagliato la migliore prestazione mondiale del salto in lungo T42 a 4,60 metri.
Lo scorso anno è stata eletta atleta del mese  nel concorso promosso dall'Ipc Atlhletics.
Insomma tanti successi.
martina e federica
Ama leggere ed ascoltare musica, ha un sorriso disarmante e sicuramente il giorno in cui porterà la bandiera sarà pervasa da un oceano di emozioni.
E noi saremo orgogliosi di lei.

Federica ha un carnet di numerosi successi nel nuoto,è una atleta a 360 gradi, aveva 16 anni quando affrontò la sua prima olimpiade, da allora è stato sempre un crescendo, tranne la battuta di arresto di Londra 2012.
Ma i grandi atleti sanno superare i momenti meno rosei, si rimettono in pista, voltando pagina e lavorando sodo.
Quando è in vasca ci fa sognare, entusiasmare.
La sua vita privata è spesso al centro della cronaca, non so se sia lei ad amare i riflettori, o il viceversa,  comunque sa perfettamente come reagire al gossip.
Adesso anche per lei è giunto il momento di coronare un sogno, quello di essere portabandiera in questa nuova avventura.
Ci regalerà il suo sorriso, il suo umorismo, i suoi successi.
martina e federica


martedì 12 aprile 2016

PERCORSO TATTILE AL MUSEO GUDERZO DI GENOVA

Il Museo Guderzo di Genova ha un percorso multisensoriale a bordo della chiatta di Dialogo nel buio, avviene in assenza di luce e con guide non vedenti.
Questo museo è nato per onorare la memoria di Lucia Guderzo, direttrice del Centro Efesto per portatori di handicap e fondatrice di Tiflosystem, punto di riferimento per le tecnologie utili alla vita indipendente delle persone disabili.
Il percorso sensoriale si svolge come un viaggio nel tempo, infatti vengono ripercorse le tappe dell'evoluzione tecnologica della scrittura, sono esposte macchine da scrivere in braille, i primi dispositivi informatici di interfaccia con il computer, i videoingranditori di un tempo.
E poi c'è l'optacon , il primo strumento con telecamera e matrice di 144 aghi che consentiva alle persone non vedenti di leggere con il dito indice i caratteri a stampa e quelli manoscritti.
L'avvento dell'informatica è stato fondamentale per aiutare le persone ipovedenti e non vedenti a scrivere senza usare materiale cartaceo, a modificare e ad elaborare testi, a fare calcoli, a programmare creando software, tutto ciò tramite le righe braille, display in aggiornamento costante che traducono nel codice braille ciò che viene visualizzato nello schermo.
L'immissione dei dati e la loro modifica sono possibili grazie a tastiere speciali.
Inoltre all'interno del computer si trovano schede audio che hanno il compito di vocalizzare ciò che appare sullo schermo.

museo guderzo accessibile

lunedì 4 aprile 2016

PERCORSO TATTILE AL MUSEO STRADIVARIANO DI CREMONA

 La musica è da sempre una costante delle nostre giornate, quanti generi esistono? moltissimi, ma per i sognatori sono le note degli strumenti ad elevare l'anima ed il cuore e cosa c'è di più bello della sinfonia di un violino, è come un refolo di vento che ti accarezza piano in una giornata di sole.
Conoscere la storia di uno strumento, quali siano le parti che lo compongono e come vengono assemblate è anche cultura, una cultura che finalmente è diventata accessibile a tutti.

Nel 2003 a Cremona è stato realizzato al Museo Stradivariano  un percorso tattile che riguarda il suo ordinamento espositivo e didattico.
Per comprendere al meglio la realizzazione dello strumento ad arco c'è la dimostrazione acustico- tattile.
La segnaletica è dotata di caratteri nero e braille, lungo il percorso ci sono nove vetrine contenenti gli elementi utili per la realizzazione del violino.
I visitatori possono assemblare le varie componenti seguendo le istruzioni in braille poste accanto ad ogni vetrina, oppure tramite audioguida.
C'è poi un'apparecchiatura che riproduce i suoni dei diversi strumenti ad arco, posta alla fine del percorso.
Infine è disponibile il catalogo del Museo Stradivariano in caratteri braille e nero.
museo stradivariano
Oltre al percorso tattile è stato realizzato un dvd per persone non udenti, utile per conoscere la storia e le modalità di assemblaggio degli strumenti.
L'arte deve essere accessibile a tutti e sono ormai numerose le iniziative relative a questa tematica.
La cultura apre le sue porte a coloro che abbiano voglia di arricchire le proprie conoscenze.
L'esperienza tattile è un'emozione per tutti, toccare con mano libera la mente ed apre il cuore.

sabato 2 aprile 2016

MUSEO LOUIS BRAILLE

Presso l'Istituto Ciechi di Milano è stato realizzato il Museo Louis Braille in cui sono conservati strumenti, macchine da scrivere speciali, libri per ciechi e materiali tiflodidattici, come testimonianza dei vari periodi che vanno dall'uso della scrittura visiva con tecnica in rilievo fino a quella con il codice braille.
Il percorso aperto a tutti consente di conoscere i materiali che sono stati utilizzati per comporre la scrittura visiva, meccanica e in braille.

Scrittura visiva

Per la scrittura visiva in rilievo venivano adoperate tavolette in nero,che però erano alquanto limitative, poichè le persone non vedenti non potevano rileggere e controllare il testo, infatti la scrittura lineare era difficile da decifrare tramite il tatto.
In questa sezione sono conservate anche antiche tavolette in legno di noce aventi lettere metalliche in rilievo con caratteri di stampa e in corsivo.
E poi ci sono tavolette in legno con scanalature e aste che servono per delimitare lo spazio da utlizzare per la scrittura in nero.
Veniva utilizzata anche una scheda su cui erano riprodotti numeri e linee.


Scrittura meccanica

La prima macchina da scrivere fu realizzata da Barozzi nel 1847, fuzionava tramite punzoni metallici che lasciavano l'impronta su una carta oleosa annerita con polvere di grafite.
Una seconda macchina fu ideata sempre da Barozzi nel 1848, aveva un disco su cui erano poste lettere maiuscole e minuscole, un metodo che rendeva più facile la ricerca delle lettere.
Nel 1857 Hughes realizzò la macchina da scrivere che aveva un disco metallico girevole, sul lato superiore c'erano le lettere dell'alfabeto che, quando venivano compresse, passavano sul lato inferiore e battevano su carta annerita , quindi, su carta bianca posta sotto, lasciavano l'impronta.
Nel 1860 Francois Foucault realizzò la macchina da scrivere con caratteri in rilievo forniti da puntini, c'erano dieci punzoni disposti in semicircolo, che potevano spostarsi in orizzonte da sinistra a destra formando una lettera e in verticale per posizionare i caratteri, questi ultimi erano in rilievo, e, quando venivano impressi sui fogli. erano costituiti da puntini.

Scrittura in braille

Nel 1878 il braille venne ufficializzato in tutti gli stati come codice di scrittura e di lettura per persone non vedenti.
Le lettere nere vennero sotituite da puntini, con possibili 63 combinazioni ottenute variando numero e posizione dei puntini.
La prima dattilobraille consentiva l'impressione di tutti i segni dell'alfabeto braille;
la scrittura era incisa al rovescio, da destra a sinistra tramite un carrello scorrevole ed era munita di sei tasti per combinare le lettere e un settimo tasto che serviva da spaziatore.
Un campanello avvertiva la persona non vedente che la riga era terminata.
Nel 1927 fu realizzata la macchina per scrittura braille in cui la scrittura avveniva su fogli tramite la combinazione di sei tasti con distanziatore per la spaziatura.
Nel 1930 i fratelli Sozzi realizzarono l'omonima macchina per scrivere che aveva una tastiera da usare con una mano, i tasti quindi venivano premuti dalle 5 dita e con il dito indice si premeva il tasto spaziatore.
Con il palmo della mano veniva data la sesta battuta.
La tavoletta a cerniera aveva una squadra che serviva ad inserire il foglio in posizione dritta per cui la lettura era immediata.
L'altra mano invece seguiva il testo da copiare.
museo braille





venerdì 25 marzo 2016

UN GIORNO PER LA NOSTRA CITTA', LO SPORT UNIFICATO

 " Lo sport ha il potere di cambiare il mondo.
   Ha il potere di ispirare.
  Ha il potere di unire le  persone in un modo che poche altre cose fanno.
  Parla ai giovani in una lingua che comprendono.
  Lo sport può portare una luce dove una volta c'era solo il buio". (Nelson Mandela)

Il 26 marzo e il 2 aprile durante l'intervallo delle partite di serie B ci sarà l'evento " Un giorno per la nostra città", che vedrà scendere in campo 80 atleti special olympics assieme ai giocatori della serie cadetta.
E saranno presenti anche i giocatori della Nazionale di calcio a 7 unificato, che hanno vinto la medaglia d'oro ai Giochi Mondiali di Los Angeles 2015,  Fabio Fà e  Marco Arturo Dessì.
Lo scopo di questo evento è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica, di far conoscere queste meravigliose realtà , perchè lo sport  deve unire, fortificare, insegnare il rispetto, valorizzare le capacità, può e deve abbattere le barriere mentali spesso insormontabili, eliminando così pregiudizi, perchè le differenze, le cosiddette diversità devono essere viste come risorsa in quanto sono tali.
sport unificato

giovedì 24 marzo 2016

Percorso tattile Museo Sindone Torino

Nel 1936 a Torino è stato realizzato il Museo della Sindone ad opera della Confraternita del Santo Sudario.
La Sindone è un lenzuolo di lino a spina di pesce contenente la doppia immagine della testa del cadavere di un uomo, morto dopo una serie di torture e poi crocefisso.
Secondo la tradizione si tratta del lenzuolo, citato nei Vangeli, che venne usato per avvolgere il corpo di Gesù nel sepolcro.
Il Museo ha due sezioni allestite nella cripta del Santissimo Sudario, una a carattere scientifico, l'altra storica.
Nella prima ci sono documenti, immagini 3D,  foto di pollini al microscopio, tessuti e tanto altro ancora, tutto ciò è il risultato di esperimenti  fatti per spiegare la presenza dell'immagine sul telo.
Nella seconda sezione ci sono la cassetta in cui si trovava la Sindone quando fu portata a Torino nel 1578, la teca cinquecentesca che l'ha custodita fino al 1998, e poi incisioni, opere, volumi risalenti al periodo che va dal 500 all' 800.
Nella sala multimediale è possibile visionare un filmato che introduce al percorso su citato, e immagini retro-illuminate che raccontano la storia della Sindone tramite fotografie.
Grazie alla collaborazione con l'UICI (Unione Italiana Ciechi Ipovedenti) di Torino è stato realizzato un percorso tattile, in cui i visitatori possono toccare tabelle tattili, un bassorilievo, oggetti che consentono l'esplorazione con le mani, elementi che tutti insieme consentono di conoscere la storia della Sindone.
museo sindone torino accessibile

Sono disponibili audioguide che forniscono informazioni utili per comprendere meglio ciò che sarà presente durante il percorso.
Dal Comitato per l'Ostensione e dall'Associazione Piemontese Retinopatici ed Ipovedenti è stato realizzato un grande modello tattile del lenzuolo, su supporto in alluminio, rappresentante la parte anteriore della Sindone.
Infine vorrei segnalare il libro dal titolo "Toccare la Sindone", stampato in serigrafia con inchiostro trasparente a rilievo, di cui è disponibile anche l'audiocassetta, è un testo molto utile per comprendere nel migliore dei modi il percorso di visita al museo e per conoscere la Sindone.

martedì 22 marzo 2016

Giornata Mondiale Autismo, libro "L'autistico e il piccione viaggiatore"

Ci avviciniamo alla Giornata Mondiale per la consapevolezza sull'autismo che si celebra come ogni anno il 2 aprile e a tal proposito segnalo il libro "L'autistico ed il piccione viaggiatore" di Rodaan Al Galidi, tra i vincitori del Premio Europeo per la letteratura 2011.
E' la storia di Geert, un ragazzo autistico che riesce a superare le difficoltà quotidiane costruendo-ricostruendo la sua identità.
La sua passione è quella di smontare le cose per poi rimontare i componenti in modo da realizzare nuovi oggetti.
La madre lavora in una bottega dell'usato e Geert si diletta nel suo hobby proprio in questo luogo, diventando sempre più abile.
Un giorno arriva uno Stradivari e al ragazzo affascinato dallo strumento viene in mente di costruire violini, partendo dal legno dei divani vecchi presenti in bottega.
Geert è assolutamente convinto che da quel legno, che ha accompagnato tante persone nel loro sonno, possano uscire le note molto più facilmente che usando altro materiale.
E riesce brillantemente nel suo scopo.
Inzia così la sua ascesa e diventa famoso dappertutto.
In questo periodo si occupa anche di un piccione, che spesso vola via per poi ritornare da lui.
l'autistico e il piccione viaggiatoreIl piccione viaggiatore che vola in alto per poi planare sulle cose, così come Geert che ha spiccato il volo conquistando un ruolo importante nella società, planando verso un nuovo ordine delle cose, partendo dallo scomporre le sue azioni e manie, tipiche di un ragazzo autistico, per poi ricomporle in una normalità quasi incredibile.

mercoledì 16 marzo 2016

IL TORTELLANTE, PROGETTO PER RAGAZZI AUTISTICI

Fare la pasta in casa è un mestiere antico che una volta si tramandava di generazione in generazione.
Adesso, forse perchè manca il tempo o la voglia, le persone preferiscono comprarla fresca o confezionata.
Le nostre nonne e mamme (almeno per quanto riguarda la mia generazione) sono state vere e proprie maestre di arte culinaria,  con la loro proverbiale manualità ed attenzione ad ogni minimo particolare.
E' stato ampiamente dimostrato come il lavoro che prevede attenzione, praticità ed anche un tocco di fantasia sia  terapeutico per coloro che hanno problematiche come l' autismo.
Ed allora alcune associazioni hanno pensato di dar loro l'opportunità di mettersi in gioco.
A Modena l'Associazione Aut Aut ha realizzato un progetto intitolato il " Tortellante ", a cui partecipano ragazzi autistici.
Per meglio operare il lavoro è stato suddiviso in 3 settori:
- preparazione della sfoglia, che prevede l'uso di taglieri, di macchine per tirare la sfoglia, e un taglia pasta;
- confezione tortellini, c'è un tavolo da lavoro e sedie;
- seccatura dei prodotti, ci sono vassoi seccapasta e ventilatori.
tortellante

I ragazzi sono molto motivati e attenti all'esecuzione delle varie fasi, anche perchè a supervisionare le varie fasi della lavorazione dei tortellini, ci sono loro , le nonne, che garantiscono che tutto proceda nel migliore dei modi, nel rispetto della tradizione insegnando ai giovani tutti i trucchi del mestiere,come solo loro sanno fare.

IL BIRRIFICIO SOCIALE VECCHIA ORSA A "FA LA COSA GIUSTA"

La Cooperativa sociale Fattoriabilità si trova a San Giovanni Persiceto (Bologna) è molto nota per il birrificio artigianale che ha realizzato e che si chiama Vecchia Orsa, in cui lavorano 7 persone , 3 con problematiche sociali.
Produce birre, ognuna delle quali ha un nome e una storia.
L'ultima realizzata si chiama Rye Charles, Rye significa segale, ma è anche un omaggio al famoso cantante Ray Charles, i luppoli provengono proprio dalla zona in cui è nato.
E' una birra dal colore bruno torrefatto, la sua schiuma è color nocciola, per produrla sono stati ulizzati anche caffè e orzo tostati, farina di carrube, liquerizia, melone bianco, chinotto, grado alcolico 6,9 %.
Oltre questa birra i ragazzi di Vecchia Orsa ne hanno realizzate altre 9:
Ideale, birra bianca contenente scorza d'arianca, coriandolo e pesca;
Incipit, dorata dal sapore di banana;
Biolca, birra biologica dorata con schiuma fine;
Aurora, chiara contenente luppoli dalle note fruttate;
Utopia, color oro brillante contenente spezie;
Nativa, color ambra contenente luppoli inglesi;
Fabula, ambrata dal gusto forte e fruttato;
Rajah, ambrata contenente ananas,mango, litchi;
Tenebra, bruno scuro con schiuma color nocciola e liquerizia.
vecchia orsa

Queste 10 birre parteciperanno a"Fa la cosa giusta", fiera del consumo e degli stili di vita sostenibili, che si svolgerà dal 18 al 20 marzo presso i padiglioni di Fieramilanocity, organizzata da Torre di Mezzo.
I visitatori potranno gustare anche altri prodotti realizzati da cooperative ed associazioni in cui lavorano persone con disabilità.

venerdì 11 marzo 2016

TURISMO ACCESSIBILE : LONELY PLANET E TRAVEL ABILITY

Per poter viaggiare in sicurezza e senza sorprese, come spesso accade alle persone disabili, è stata realizzata una guida online che si chiama Lonely Planet in cui è possibile scoprire quali siano le mete accessibili da poter visitare.
Ci sono tutte leinformazioni dettagliate sui servizi previsti in ogni singola città;
ad esempio a Barcellona ci sono tour operator specializzati in visite guidate per persone con disabilità che includono non solo la città, ma anche di poter fare un  giro in mongolfiera oppure immersioni subacquee.
La guida è scaricabile gratuitamente dal sito www.lonelyplanet.it.

lonely planet
In Toscana è stato realizzzato un servizio che si chiama Travel ability- il tour operator delle persone disabili.
Offre assistenza socio-sanitaria e turistica alle persone con difficoltà come anziani, disabili, in dialisi o che devono fare fisioterapia.
Infatti per tutta la durata  delle vacanze saranno seguiti da personale qualificato relativamente all'assistenza turistica.
Le persone che devono sottoporsi periodicamente a terapie o esami diagnostici potranno farlo anche in vacanza.
L'utente che vuol usufruire di questo servizio deve inviare un'email 45 giorni prima della partenza, il  team di Travely ability lo contatterà per avere maggiori informazioni in modo tale che il viaggiatore possa avere lo stesso tipo di assistenza che avrebbe a casa sua.
travel ability


lunedì 7 marzo 2016

VELANTARIATO, CORSO DI VELA GRATUITO

A Napoli è stata realizzata un'iniziativa alquanto interessante che riguarda la vela, si chiama " Velantariato", rivolta a persone di età compresa tra i 14 e i 35 anni.
Si tratta di corsi gratuiti su imbarcazioni come Dream e Singole 2,4 mR (classe olimpica) con lo scopo di far imparare la vela e l'assistenza a persone disabili interessate a questo sport.
Infatti la metodologia riguarda la conoscenza delle disabilità, l'accoglienza, l'interazione con le persone disabili, l' imparare ad aiutare in modo concreto un atleta disabile durante una gara sportiva.
Velantariato è organizzato dalla Presidenza  del Consiglio dei Ministri, dal Dipartimento della gioventù e del Servizio civile nazionale assieme all'Associazione Peepul sport onlus.
Il corso si articola in 60 ore per quanto riguarda la teoria, e 30 ore di tirocinio.
E' gratuito e si svolge nei mesi di marzo ed aprile 2016.
velantariato

Lo sport è molto importante  per trovare un giusto equilibrio tra corpo e mente, è un momento di svago, di socializzazione.
Inoltre è anche un punto di partenza per conoscere le proprie abilità in questo settore, e laddove c'è passione, capacità di sacrificio, volontà, tenacia, i risultati possono essere positivi.
Per avere maggiori info su Velentariato si può telefonare al 335 697 3981, oppure visitare il sito www.peepul.it.




 

giovedì 3 marzo 2016

PERCORSO TATTILE POLO MUSEALE FIORENTINO

Al Polo Museale Fiorentino è stato realizzato nel 2009 il percorso tattile "Uffizi da toccare", grazie alla sezione didattica e alla direzione della galleria degli Uffizi - dipartimento antichità classica.
I visitatori con disabilità visive riceveranno alla biglietteria un paio di guanti monouso, come quelli usati dai restauratori di opere d'arte, con cui potranno toccare le sculture, apprezzandone le caratteristiche, scoprendo i "pieni" e i "vuoti" , comprendendone le forme.
Ogni opera ha leggii con didascalie in italiano e in inglese e la grafica è accessibile ai visitatori non vedenti ed ipovedenti poichè è in braille stampato su foglio trasparente..
Il supporto che sorregge la didascalia è messo in evidenza tramite un'apposita segnaletica che ne facilita l'identificazione.
I varchi dei vetri hanno una sequenza in bianco  e nero, quindi sono segnalatori utili per le persone disabili visive.
Le opere sono collocate nei tre corridoi della Galleria e nella sala del Cavallo.
In quest'ultima, grazie alla Stamperia Regione Toscana, è posta una mappa in braille che riporta l'esatta ubicazione delle opere che si trovano lungo il percorso tattile degli Uffizi.
Le visite sono gratuite e  guidate, meglio se prenotate sul sito www.polomusealefirenze.it.

Le opere da "toccare", poste lungo il percorso tattile, sono le seguenti :
- nell'anterecetto c'è il sarcofago con trionfo di Bacco
- nelle sale 10-14 la nascita di Venere del Botticelli
- primo corridoio Domizia e Elio Cesare
- secondo corridoio Amorino dormiente in marmo nero; Omero pseudo antico; Lupa in porfido
- terzo corridoio Carcalla
- ricetto e sala Ermafrodito Ara funeraria;  Amorino dormiente ; Sarcofago con ratto delle Lucippidi;   Centauro; ermafordito
polo museale firenze- sala del Cavallo ritratto di Cicerone; ritratto di anziano velato capite; ritratto di Augusto; Ara dei Vico magistri; busto con testa di ignoto; ritratto di Domizia; frammento di scultura con testa di Mitra;   ritratto di Antonino Pio; ritratto femminile su  busto moderno; Marco Aurelio fanciullo; busto di Commodo; ritratto di giovane; Ara di Telegennio.

lunedì 29 febbraio 2016

PERCORSO TATTILE OLFATTIVO ORTO BOTANICO NAPOLI

All'Orto botanico di Napoli è stato realizzato un percorso tattile-olfattivo per persone con disabilità visive, ma anche i vedenti possono usufruirne.
Si svolge all'interno di un edificio chiamato Chalet e nella zona ad esso adiacente.
Ci sono espositori in legno, distinti in teche e pannelli.
Le teche hanno un foro attraverso il quale è possibile toccare le parti di piante presenti, quindi riconoscere tattilmente le caratteristiche degli organi vegetali e adoperando l'olfatto si può intuire se si tratti di parti odorose.
Lateralmente ai fori ci sono testi scritti in braille con informazioni sul contenuto delle teche.
I pannelli hanno 4 tappi in sughero, ognuno dei quali è impregnato di olii essenziali, per cui basta sollevarli per apprezzarne il caratteristico odore.
Accanto ad ogni tappo c'è una scritta in braille utile per riconoscere la specie ivi contenuta.
All'esterno dello Chalet c'è un corrimano, su cui sono poste incisioni in braille che segnalano la presenza di piante, dalle Briofite alle Magnoliofite.
Ci sono poi diversi gradoni semicircolari in cui sono poste piante aromatiche, tipiche della cucina mediterranea, come la salvia, l'origano, il basilico e tante altre ancora.
Su una struttura in muratura ci sono vasi in cui sono contenute piante odorose come l'assenzio, la melissa, il millefoglio, quindi percettibili sia con il tatto che con l'olfatto.
Nella parte posteriore dello Chalet ci sono le  rose rampicanti senza spine, le piante di bosso sagomate in forme geometriche molto semplici.

Ogni pianta ha il suo cartellino ( scritto anche in braille) in cui c'è il binomio specifico che la contraddistingue, cioè il nome comune e la categoria a cui appartiene, le proprietà e quali parti vengono adoperate in medicina. 
orto botanico napoli accessibile non vedentiUn percorso davvero affascinante in un mondo in cui il tatto e l'olfatto sono i principali artefici di meravigliose sensazioni che vanno dritte al cuore, un'emozione senza ...barriere.

mercoledì 24 febbraio 2016

VENERDI DEL PENDOLA : I CODA, FIGLI UDENTI DI GENITORI SORDI

A Siena anche quest'anno si sta svolgendo l'abituale appuntamento con I venerdi del Pendola, una sorta di viaggio nella comunità sorda, in cui vengono affrontate diverse tematiche riguardanti la cultura, la lingua, l'educazione, l'interpretariato.
Incontri a cui prendono parte persone che condividono esperienze lavorative, artistiche e tanto altro.
Possono partecipare tutti, udenti e sordi, affinchè possano conoscersi ed instaurare un rapporto culturale tra loro.
L'ingresso è gratuito ed è accessibile poichè sono presenti interpreti Lis (lingua dei segni).
Il 26 febbraio l'incontro riguarderà i CODA ( Children Of Deaf Adults), cioè i figli udenti di genitori sordi.
Avverrà presso la sede di MPDFonlus in via Tommaso Pendola numero 37, Siena, dalle ore 15,30 alle 17,30.
venerdi del pendola
I fgli udenti di genitori sordi vivono quotidianamente divisi tra due lingue e due culture, sono l'ago della bilancia tra il mondo di coloro che sentono, che sono la maggioranza, e quello delle persone che non sentono, che sono la minoranza.

Sono i portavoce di una comunità che vuol essere riconosciuta cone fonte di cultura e lingua.
A questo incontro organizzato da MPDFonlus assieme ad Ens sezione provincia di Siena e patrocinato da Asp e il comune e la provincia di Siena parteciperanno Rita Sala, sociologa con genitori sordi e Giuseppina Guercio, presidente di CODA Italia nata nel 2015.

martedì 16 febbraio 2016

FILM ACCESSIBILI : UN' ESTATE IN PROVENZA

Il 13 aprile uscirà il film dal titolo " Un' estate in Provenza", una commedia di Rosa Bosch, nel cui cast ci sono i bravissimi attori Anna Galiena e Jean Reno, oltre al piccolo Lukas Pelissier, sordomuto dalla nascita.
Il film sarà sottotitolato e avrà audiodescrizioni, quindi è accessibile alle persone disabili sensoriali.

Lea, Adrien e Theo sono tre ragazzi abituati alla vita in città, fanatici del digitale ma ad un tratto si ritrovano catapultati in una quotidianetà diversa, poichè, a causa di problemi tra i loro genitori, devono forzatamente trascorrere l'estate in campagna (Provenza) dal nonno che non hanno mai conosciuto a causa di dissapori familiari.
Un nonno un po' sgorbutico, che ama vivere da solo lontano dai rumori dalla metropoli e che di pc, tablet, cellulari fa volentieri a meno.
Inizialmente mancherà il dialogo, la comprensione, lo scontro generazionale è inevitabile, ma sarà proprio il piccolo Theo che "parla" solo tramite i gesti ( la lis) a stimolare l'anziano parente, che si aprirà alla comunicazione e racconterà la sua vita a questi ragazzi, inizia così la conoscenza, l'incontro, vengono annullati tutti gli ostacoli.
Il nonno non risulta più "fuori di testa", i nipoti lo vedono sotto un'altra luce e la vacanza si trasforma in un momento indimenticabile.
un'estate in provenza

L'argomento principale di questo film è l'incapacità di comunicare al giorno d'oggi, dove tutto ruota intorno ai gadget digitali.
C'è chi non vuol sentire nè parlare e chi non sa farlo.
Chi vorrebbe farlo ma non può e allora deve ricorrere ai gesti, unica espressione di comunicazione che ha a disposizione, ed anche in questo caso spesso non si viene "ascoltati".
Se invece ci mettessimo d'impegno basterebbe poco per rompere questo clichè e ritornare al dialogo genuino, quello di altri tempi, non sarebbe un passo indietro, ma semmai due in avanti.

martedì 9 febbraio 2016

NUOVA SFIDA PER NICOLE ORLANDO A BALLANDO CON LE STELLE

Il 20 febbraio partirà la popolare trasmissione televisiva "Ballando con le stelle ", condotta da Milly Carlucci e a questa edizione parteciperà anche l'atleta plurimedagliata Nicole Orlando, tra le 4 donne citate come esempio positivo per il nostro paese dal  Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, durante il discorso di fine anno.
Nicole ha 22 anni e ha lo sport nel sangue, infatti è figlia di 2 ex atleti.
Ha la sindrome di Down e non si è mai arresa ad alcun tipo di ostacolo, infatti il suo slogan è " Mai dire non ce la faccio".
Ed è proprio la sua caparbietà, la sua tenacia, la sua voglia di farcela che l'hanno portata a coronare il suo sogno.
Ai recenti Mondiali in Sudafrica ha vinto 4 medaglie d'oro  e 1 d'argento, nelle specialità triathlon, 100 metri, salto in lungo e staffetta.
Ma Nicole non è solo una sportiva, ama anche recitare infatti fa parte di un gruppo teatrale e ha preso parte a musical.
Adesso è pronta a cimentarsi in questa nuova esperienza, che la vedrà ballare assieme al maestro Stefano Oradei.
Abituata ad allenarsi quotidianamente per essere pronta al 100 % per affrontare le sfide sportive nel modo migliore, non avrà alcun timore a farlo per prepararsi ai diversi balli in cui dovrà cimentarsi.
Sicuramente l'ambiente in cui dovrà esibirsi è alquanto differente rispetto ai campi di atletica, uno studio televisivo con pubblico e giuria mette un po' di agitazione, ma l'adrenalina di Nicole avrà la meglio.
nicole orlando e ballando con le stelle

Dovrà prepararsi psicologicamente anche ai giudizi non sempre garbati dei componenti della giuria, ostacolo che per tutti i concorrenti si rivela ogni anno più tosto di tutto il resto.
Noi tiferemo per lei e personalmente le auguro soprattutto di divertirsi, in fondo è solo un gioco.

mercoledì 27 gennaio 2016

LA CURA DI SE', CORSO DI TRUCCO PER NON VEDENTI

Curare il proprio aspetto fisico è molto importante per sentirsi bene, ormai è una prerogativa che riguarda tutti, donne ed uomini, ovviamente senza esagerare.

Le persone non vedenti hanno qualche difficoltà in più, per risolvere il problema arriva in loro aiuto un corso di trucco, realizzato dall'Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti (UICI) di Torino.
Si chiama La cura di sè, è alla sua seconda edizione,  nasce da un'idea di Titti Panzarea, vicepresidente della sezione UICI Torino, cieca dalla nascita, ha imparato a  truccarsi da sola.
Prima di tutto è consigliabile acquistare pochi prodotti, e mettere ad ognuno etichette in braille, il resto degli accorgimenti verrà spiegato al corso, che si articola in 10 lezioni,  si svolgerà ogni mercoledi nei locali dell'UICI di Torino, in Corso Vittorio Emanuele II numero 63.

Le lezioni saranno a cura di Vesseliva Soldatova, professionista in cosmesi e cura della pelle.
Oltre al make up, si parlerà  anche del benessere del corpo, come fare l'automassaggio, i trattamenti anti age, e poi come confezionare prodotti fai da te con argilla o con oli essenziali.
corso make up per non vedentiAl corso potranno partecipare tutti, non vedenti, ipovedenti, vedenti ed anche uomini.
Per maggiori info si può telefonare al numero 011 535567.

venerdì 22 gennaio 2016

ABBIGLIAMENTO ACCESSIBILE LINEA VESTA

Vestirsi o spogliarsi è un problema per le persone con disabilità, per quelle anziane, e per coloro che non sono più in grado di compiere alcuni gesti, come ad esempio chi è colpito da ictus o Parkinson, quindi si perde indipendenza e autostima, tutto ciò crea assoluto disagio.
A Carpi è stata creata a tal proposito la Linea Vesta, da un'idea della direttrice della cooperativa Anziani e non solo, che l'ha proposta nel corso del Caregiver day regionale,  di cui è promotrice.
Il risultato è stato positivo e si è costituito un gruppo di lavoro (star up Mo.Ve) in cui sono coinvolte tre imprese : Tessitura Roberta (Carpi) per la maglieria, Modance (Castelfranco Emilia) per l'abbigliamento, Anna Muzioli (Presidente di Mo.Ve) per il settore sanitario.
Sono stati realizzati reggiseni che si allacciano davanti, maglioni aperti ai lati, camicie da notte con apertura a portafoglio, magliette con cerniere laterali ed altro ancora.
I tessuti usati per la realizzazione dei capi d'abbigliamento sono traspiranti, elastici, quindi regolabili se si aumenta di peso e non si deformano.
Le allacciature sono facilitate, ci sono pochi ganci, velcro, e le cerniere sono collocate in punti strategici.
linea vesta
I capi d'abbigliamento possono essere acquistati online nel sito Vesta, ma anche nelle parafarmacie del gruppo Coop Estense, oppure possono essere ordinati nei negozi che vendono articoli sanitari.

martedì 19 gennaio 2016

BANCOMAT UNICREDIT SENZA BARRIERE PER DISABILI VISIVI

Per le persone disabili visive è spesso difficile poter effettuare operazioni presso i bancomat,a causa della loro non accessibilità e quindi devono necessariamente affidarsi ad eventuali accompagnatori.
La Unicredit  è riuscita a risolvere il problema realizzando i bancomat senza barriere per non vedenti ed ipovedenti, posti nelle diverse filiali, da Nord a Sud dell'Italia.
Sono circa duemila e consentono  di effettuare le operazioni richieste in modo autonomo, sicuro e soprattutto semplice.
Le opzioni sono due:
- la prima ( con o senza cuffie) è rivolta sia alle persone non vedenti che a quelle ipovedenti, tra i vari tasti quello col numero 5 si riconosce al tatto perchè dotato di un rilievo rispetto agli altri.
Dopo averlo premuto, sulla tastiera si apre  uno schermo bianco con sfondo nero.
Un assistente vocale fornisce le informazioni e aiuta a selezionare quella desiderata.
bancomat accessibili- la seconda è per le persone ipovedenti, si preme il tasto 4, l'assistente vocale aiuta  i clienti nelle operazioni richeste.

Un altro passo avanti nell'abbattimento delle barriere, la tecnologia consente di risolvere numerosi problemi e di incrementare i processi di inclusione ed integrazione nel migliore dei modi.



martedì 5 gennaio 2016

CINEMATHERAPY AL POLICLINICO GEMELLI DI ROMA

Al Policlinico Gemelli di Roma sarà inaugurata a marzo 2016 una sala cinematografica per regalare un momento di svago ai pazienti, per poter affrontare meglio la degenza.
La cinematherapy è utile dal punto di vista psicologico, è un momento di pausa, di relax, infatti  durante la proiezione di un film si allentano le tensioni, diminuisce la percezione del dolore, si acquisisce insomma uno stato di benessere.
Il progetto è stato realizzato dal Policlinico Universitario Gemelli di Roma e da MediCinema Italia onlus, è sostenuto dal Segretariato Rai per il sociale che ha avviato anche una raccolta fondi all'interno di alcuni programmi radiofonici e televisivi, tramite l'invio di un sms solidale al numero 45599, fino all'11 gennaio.
MediCinema Italia  onlus è nata nel 2013 e si ispira a MediCinema UK (Gran Bretagna), è presente in Italia con due progetti presso l'Istituto Clinico Humanitas di Rozzano (Milano) e all'interno del Centro Polifunzionale Spazio Vita Ospedale Niguarda Milano.
Il programma cinematografico previsto sarà rivolto ad ogni tipologia di pazienti.
cinematherapyLa sala avrà 130 posti, a cui potranno accedere anche persone non autosufficienti, parenti,amici, volontari e personale di assistenza.
Sarà un'esperienza bellissima,  sarà come andare al cinema con le persone preferite.


sabato 2 gennaio 2016

AUSILI TECNOLOGICI E SCARPE PER DISABILI VISIVI

Sono numerose le novità relative agli ausili tecnologici,riguardanti le persone con disabilità visiva, hanno tutte lo scopo di rendere migliore la vita quotidiana e l'autonomia, come ad esempio lo smartphone in braille, il Gps in braille BlindMaps e le scarpe Lechal.

Smartphone in braille
Il designer indiano Sumit Dagar ha realizzato un smartphone in braille, ha uno schermo che traduce i segnali di input in sensazioni tattili.
Ha un tasto per le chiamate, una tastiera per comporre i numeri e poi tante altre funzioni,a seconda del modello.

BlindMaps
BlindMaps è un Gps in braille da posizionare sul bastone, consente di leggere le informazioni tramite un'app per smartphone, grazie a degli spilli che producono la scrittura braille.

Lechal
Tra gli ausili tecnologici per le persone con disabilità visiva ci sono anche le scarpe Lechal, con solette traspiranti ed impermeabili, dotate di sensori.
ausili disabili visiviPer utilizzarle basta collegarle all'apposita app per smartphone tramite bluetoot, le suole azioneranno le vibrazioni giuste per indicare ai piedi la  direzione in  cui si deve svoltare, precisamente se la vibrazione arriva al piede destro si deve svoltare a destra e viceversa.
Le batterie si ricaricano tramite USB.