Cerca nel blog

mercoledì 27 gennaio 2016

LA CURA DI SE', CORSO DI TRUCCO PER NON VEDENTI

Curare il proprio aspetto fisico è molto importante per sentirsi bene, ormai è una prerogativa che riguarda tutti, donne ed uomini, ovviamente senza esagerare.

Le persone non vedenti hanno qualche difficoltà in più, per risolvere il problema arriva in loro aiuto un corso di trucco, realizzato dall'Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti (UICI) di Torino.
Si chiama La cura di sè, è alla sua seconda edizione,  nasce da un'idea di Titti Panzarea, vicepresidente della sezione UICI Torino, cieca dalla nascita, ha imparato a  truccarsi da sola.
Prima di tutto è consigliabile acquistare pochi prodotti, e mettere ad ognuno etichette in braille, il resto degli accorgimenti verrà spiegato al corso, che si articola in 10 lezioni,  si svolgerà ogni mercoledi nei locali dell'UICI di Torino, in Corso Vittorio Emanuele II numero 63.

Le lezioni saranno a cura di Vesseliva Soldatova, professionista in cosmesi e cura della pelle.
Oltre al make up, si parlerà  anche del benessere del corpo, come fare l'automassaggio, i trattamenti anti age, e poi come confezionare prodotti fai da te con argilla o con oli essenziali.
corso make up per non vedentiAl corso potranno partecipare tutti, non vedenti, ipovedenti, vedenti ed anche uomini.
Per maggiori info si può telefonare al numero 011 535567.

venerdì 22 gennaio 2016

ABBIGLIAMENTO ACCESSIBILE LINEA VESTA

Vestirsi o spogliarsi è un problema per le persone con disabilità, per quelle anziane, e per coloro che non sono più in grado di compiere alcuni gesti, come ad esempio chi è colpito da ictus o Parkinson, quindi si perde indipendenza e autostima, tutto ciò crea assoluto disagio.
A Carpi è stata creata a tal proposito la Linea Vesta, da un'idea della direttrice della cooperativa Anziani e non solo, che l'ha proposta nel corso del Caregiver day regionale,  di cui è promotrice.
Il risultato è stato positivo e si è costituito un gruppo di lavoro (star up Mo.Ve) in cui sono coinvolte tre imprese : Tessitura Roberta (Carpi) per la maglieria, Modance (Castelfranco Emilia) per l'abbigliamento, Anna Muzioli (Presidente di Mo.Ve) per il settore sanitario.
Sono stati realizzati reggiseni che si allacciano davanti, maglioni aperti ai lati, camicie da notte con apertura a portafoglio, magliette con cerniere laterali ed altro ancora.
I tessuti usati per la realizzazione dei capi d'abbigliamento sono traspiranti, elastici, quindi regolabili se si aumenta di peso e non si deformano.
Le allacciature sono facilitate, ci sono pochi ganci, velcro, e le cerniere sono collocate in punti strategici.
linea vesta
I capi d'abbigliamento possono essere acquistati online nel sito Vesta, ma anche nelle parafarmacie del gruppo Coop Estense, oppure possono essere ordinati nei negozi che vendono articoli sanitari.

martedì 19 gennaio 2016

BANCOMAT UNICREDIT SENZA BARRIERE PER DISABILI VISIVI

Per le persone disabili visive è spesso difficile poter effettuare operazioni presso i bancomat,a causa della loro non accessibilità e quindi devono necessariamente affidarsi ad eventuali accompagnatori.
La Unicredit  è riuscita a risolvere il problema realizzando i bancomat senza barriere per non vedenti ed ipovedenti, posti nelle diverse filiali, da Nord a Sud dell'Italia.
Sono circa duemila e consentono  di effettuare le operazioni richieste in modo autonomo, sicuro e soprattutto semplice.
Le opzioni sono due:
- la prima ( con o senza cuffie) è rivolta sia alle persone non vedenti che a quelle ipovedenti, tra i vari tasti quello col numero 5 si riconosce al tatto perchè dotato di un rilievo rispetto agli altri.
Dopo averlo premuto, sulla tastiera si apre  uno schermo bianco con sfondo nero.
Un assistente vocale fornisce le informazioni e aiuta a selezionare quella desiderata.
bancomat accessibili- la seconda è per le persone ipovedenti, si preme il tasto 4, l'assistente vocale aiuta  i clienti nelle operazioni richeste.

Un altro passo avanti nell'abbattimento delle barriere, la tecnologia consente di risolvere numerosi problemi e di incrementare i processi di inclusione ed integrazione nel migliore dei modi.



martedì 5 gennaio 2016

CINEMATHERAPY AL POLICLINICO GEMELLI DI ROMA

Al Policlinico Gemelli di Roma sarà inaugurata a marzo 2016 una sala cinematografica per regalare un momento di svago ai pazienti, per poter affrontare meglio la degenza.
La cinematherapy è utile dal punto di vista psicologico, è un momento di pausa, di relax, infatti  durante la proiezione di un film si allentano le tensioni, diminuisce la percezione del dolore, si acquisisce insomma uno stato di benessere.
Il progetto è stato realizzato dal Policlinico Universitario Gemelli di Roma e da MediCinema Italia onlus, è sostenuto dal Segretariato Rai per il sociale che ha avviato anche una raccolta fondi all'interno di alcuni programmi radiofonici e televisivi, tramite l'invio di un sms solidale al numero 45599, fino all'11 gennaio.
MediCinema Italia  onlus è nata nel 2013 e si ispira a MediCinema UK (Gran Bretagna), è presente in Italia con due progetti presso l'Istituto Clinico Humanitas di Rozzano (Milano) e all'interno del Centro Polifunzionale Spazio Vita Ospedale Niguarda Milano.
Il programma cinematografico previsto sarà rivolto ad ogni tipologia di pazienti.
cinematherapyLa sala avrà 130 posti, a cui potranno accedere anche persone non autosufficienti, parenti,amici, volontari e personale di assistenza.
Sarà un'esperienza bellissima,  sarà come andare al cinema con le persone preferite.


sabato 2 gennaio 2016

AUSILI TECNOLOGICI E SCARPE PER DISABILI VISIVI

Sono numerose le novità relative agli ausili tecnologici,riguardanti le persone con disabilità visiva, hanno tutte lo scopo di rendere migliore la vita quotidiana e l'autonomia, come ad esempio lo smartphone in braille, il Gps in braille BlindMaps e le scarpe Lechal.

Smartphone in braille
Il designer indiano Sumit Dagar ha realizzato un smartphone in braille, ha uno schermo che traduce i segnali di input in sensazioni tattili.
Ha un tasto per le chiamate, una tastiera per comporre i numeri e poi tante altre funzioni,a seconda del modello.

BlindMaps
BlindMaps è un Gps in braille da posizionare sul bastone, consente di leggere le informazioni tramite un'app per smartphone, grazie a degli spilli che producono la scrittura braille.

Lechal
Tra gli ausili tecnologici per le persone con disabilità visiva ci sono anche le scarpe Lechal, con solette traspiranti ed impermeabili, dotate di sensori.
ausili disabili visiviPer utilizzarle basta collegarle all'apposita app per smartphone tramite bluetoot, le suole azioneranno le vibrazioni giuste per indicare ai piedi la  direzione in  cui si deve svoltare, precisamente se la vibrazione arriva al piede destro si deve svoltare a destra e viceversa.
Le batterie si ricaricano tramite USB.